fbpx
Skip to main content

PIASTRELLE DA POSARE? ECCO 7 CONSIGLI PRATICI

29 Gennaio 2024

Stai pensando di ristrutturare una stanza della casa e di rifare il pavimento o posare delle piastrelle sulla parete, o hai qualche piastrella rotta da sostituire? Hai già esperienza ma vuoi una rinfrescatina sui passi da seguire? Di seguito troverai dei consigli di un professionista, che ti torneranno utili per procedere nel modo giusto.

Facciamo l’elenco degli strumenti che ti serviranno:
• Piastrelle (😊)
• Colla flex
• Stucco
• Metro
• Squadra muraria
• Mescolatore
• Cazzuola
• Spatola dentata
• 2 secchi
• Tenaglia
• Taglia piastrelle manuale o flessibile con disco diamantato
• Spatola da stucco gommata
• Spugna con manico

7 consigli per eseguire il lavoro:

  1. Pulizia del pavimento

È essenziale per garantire un’adesione corretta delle piastrelle e una lunga durata del pavimento. Se rimane della sporcizia sotto le piastrelle non aderiscono correttamente al pavimento portando a crepe, e rotture prima del tempo. Per eliminare detriti e polvere usa una scopa o un’aspirapolvere, lava la superficie con un detergente neutro e se necessario sgrassa il pavimento o la parete. È molto importante che il piano di lavoro sia completamente asciutto prima di procedere all’installazione. Attenzione: è sempre fondamentale consultare il venditore e le specifiche del prodotto che si metterà in posa perché alcuni pavimenti richiedono un sottofondo specifico o delle preparazioni aggiuntive.

  1. Controlla le pareti

Potresti notare dei problemi strutturali o delle imperfezioni che possono avere conseguenze sull’installazione e sulla durata del pavimento.

  1. Le pareti sono a livella e allineate?

Se i muri sono fuori squadra potresti avere difficoltà a mettere in posa le piastrelle e allineare i pavimenti. Per verificare che tutto sia in ordine puoi usare la squadra muraria o squadra da muratore, che è uno strumento a forma di ‘L’ utile a verificare l’allineamento di angoli e linee rette.

  1. Messa in opera

Per miscelare e stendere la colla o la malta ricordati di consultare e seguire le istruzioni del produttore. Trucchetto: se pensi che sia opportuno mettere la colla su tutta l’area da piastrellare per poi procedere con la posa, non ingannarti! Procedi per piccole sezioni, evitando così che la colla di asciughi prima di aver posato le piastrelle, e parti sempre dal centro della stanza o dal punto di riferimento prestabilito.
È importante anche posare le piastrelle intere all’entrata e effettuare quindi i tagli lungo i bordi sia perché le imperfezioni ai bordi si notano meno, e le piastrelle intere all’entrata creano un aspetto più pulito e professionale, sia perché se l’entrata è una zona ad alto traffico, i tagli vicino all’ingresso potrebbero portare a un’usura prematura.
Ma… Che tipo di colla usare? La colla flessibile è generalmente facile da lavorare e consente un’aderenza migliore tra la piastrella e la superficie di installazione e inoltre, molte colle flessibili sono utili per prevenire la formazione di crepe nelle piastrelle a causa di tensioni o movimenti del supporto.

  1. Stuccatura per le fughe!

“Resta di stucco… è un barbatrucco!” Applica lo stucco per le fughe con una spatola o un apposito strumento assicurandoti di riempire completamente lo spazio tra le piastrelle per evitare possibili infiltrazioni. La stuccatura viene eseguita a 24 ore dal termine della posa delle piastrelle e una volta terminata si consiglia di attendere dalle 36 alle 48 ore prima di iniziare a ripulire la superficie. Ma come pulire le piastrelle dallo stucco? Bisogna agire sempre con tempestività, prima che lo stucco si asciughi e non diventi più difficile da togliere. La pulizia delle fughe può essere effettuata con una spugnetta o un panno inumiditi.
Se ti stai chiedendo qual è la differenza tra un pavimento fugato e non… eccoti la risposta:
Le fughe permettono una maggiore espansione e contrazione delle piastrelle in risposta alle variazioni di temperatura.
Le fughe aiutano a nascondere piccole imperfezioni in caso le piastrelle non fossero tagliate o posate perfettamente.
I pavimenti fugati sono generalmente più facili da pulire rispetto a quelli accostati. Le fughe aiutano a prevenire l’accumulo di sporco e umidità, facilitando la manutenzione e la pulizia quotidiana.
Le fughe tra le piastrelle favoriscono una migliore circolazione dell’aria, riducendo così il rischio di muffa e accumulo di umidità sotto le piastrelle.

  1. Le tempistiche della posa

È fondamentale rispettare i tempi di:
asciugatura della colla
essiccazione delle piastrelle
Indurimento dello stucco per le fughe, per garantire una un lavoro efficace e durevole nel tempo. I tempi possono variare a seconda dei materiali specifici utilizzati e delle condizioni ambientali, quindi è sempre consigliabile seguire le istruzioni del produttore per ottenere i migliori risultati.

  1. I mesi migliori per la messa in posa?

Da marzo a metà giugno, e da settembre a novembre, quindi i mesi in cui non ci sono né temperature troppo alte e nemmeno troppo basse.

Se hai letto con piacere questo articolo per ripassare velocemente delle conoscenze e competenze che hai e che hai già messo a frutto molte volte, scarica l’app e iscriviti come YesWorker, potrai aiutare chi ha bisogno di aiuto vicino a te e arrotondare alla fine del mese!

Come, hai letto fin qui e non l’hai ancora scaricata? Cos’aspetti, è pure gratuita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × uno =

Scarica
Yeswork App!

Dimentica ricerche inutili e prezzi folli. Puoi reperire le persone migliori per risolvere un problema o trovare un lavoretto da sbrigare guadagnando.
Ora e vicino a te.

×